x
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per saperne di più o modificare le tue preferenze clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all\'uso dei cookie. Acconsento

Questa righe sono dedicate a tutti coloro che devono acquistare una casa, che desiderano accendere un finanziamento immobiliare e che sono ancora piuttosto indecisi sul prodotto da utilizzare.

Ecco alcuni consigli

COMPROMESSO :Prima di sottoscrivere un preliminare d'acquisto si deve sempre inserire la clausola ”Proposta vincolata all'accettazione del mutuo", in questo caso non si perde la caparra versata se per qualsiasi ragione non si riesca ad ottenere il finanziamento richiesto. 


VALUTAZIONE OFFERTE: La valutazione delle proprie esigenze e necessità è assolutamente propedeutico a qualsiasi scelta di mutuo. Solo poi si potrà ricercare un istituto che offra un finanziamento conveniente e fatto su misura per voi.

TASSO: Il tasso variabile è formato da due componenti: Euribor + spread Il tasso fisso è formato da due componenti: Eurirs + spread L'euribor/eurirs non è modificabile in quanto è determinato dall’andamento del mercato. Si può intervenire sullo spread (guadagno della banca) soprattutto se il mutuo richiesto ha una percentuale inferiore al 70% del valore dell'immobile. 
 Sarà meglio il mutuo a tasso variabilemutuo a tasso fisso ?
 Sarà meglio un mutuo con una durata breve o con una durata lunga ?



MUTUO IDEALE: E’ fondamentale precisare che il mutuo ideale non è quello con il tasso più basso, ma quello che meglio risponde alle nostre esigenze reddituali e alla propria predisposizione. Di conseguenza, prima di metterci alla ricerca del mutuo è necessario calcolare la rata massima sostenibile determinata dai nostri ricavi mensili e/o annuali. . 




VERIFICARE SEMPRE QUESTI COSTI:

  1. Costi d'istruttoria

  2. Spese di perizia

  3. Costo delle polizze personali che molte banche utilizzano come obbligatorie

  4. Spese di incasso rata

  5. Costo dell'assicurazione incendio e scoppio

TASSO DI INGRESSO E/O A REGIME Informarsi sempre se è il tasso proposto è un tasso d'ingresso o un tasso a regime, perchè molte banche propongono mutui con un tasso d'ingresso interessante, bassissimo per "attirare" il cliente ma che in seguito, dopo un brevissimo periodo di tempo, aumenterà almeno di un punto. 


TEMPI DI EROGAZIONE : E’ importante tener presente che per ottenere materialmente il finanziamento dalla banca passano mediamente 40-50 giorni dalla richiesta, quindi la data stabilita per la compravendita deve essere sufficientemente lontana.

DONAZIONE E SUCCESSIONE: Molte banche respingono la richiesta di mutuo se l'immobile è pervenuto per donazione. La motivazione di questa prassi deriva dalla nostra particolare legislazione in materia di donazioni e di successioni. Le donazioni possono essere impugnate da eredi legittimi che si sentono defraudati dalla donazione stessa. Gli aventi diritto possono impugnare la donazione sino a 10 anni dalla morte del donante. In questo caso l'ipoteca in favore della Banca perde ogni valore. 


PUBBLICITA’: Fate attenzione alle pubblicità eclatanti; quando vi propongono mutui con tassi bassissimi, di solito sono vincolati all’acquisto di polizze personali ad altissimo costo o in generale hanno costi collaterali non trasparenti.


PENALE DI ANTICIPATA ESTINZIONE: Il contratto di mutuo deve dare la possibilità di rimborsare il capitale residuo prima della scadenza naturale. Gli Istituti di Credito non incoraggiano mai i rimborsi anticipati, in quanto per la Banca si traduce in una perdita di interessi sugli anni che vengono "eliminati". Per questo motivo è necessario inserire nel contratto una "penale per estinzione anticipata" in punti percentuali sul debito residuo. È meglio chiarire già durante la trattativa che porta all'accensione del finanziamento, l'importo di questa penale che di solito va da un minimo dello 0% a un massimo del 4%. 


IMPORTO DEL FINANZIAMENTO: Determinare l’importo del finanziamento da chiedere alla banca spesso non è semplice. Spesso non si hanno le idee chiare e la risposta non è così scontata come si può pensare, in quanto non si tratta tanto di “persuadere” la banca a fornirti la maggior quantità di denaro/di finanziamento possibile, quanto piuttosto di comprendere quali oneri si è disposti, da qui ai prossimi anni, ad affrontare per l’acquisto della casa. Di solito gli Istituti di Credito non concedono mutui la cui rata è superiore al 30/35% del reddito totale del nucleo familiare.

Iscriviti alla Newsletter Fingest Sardegna
Privacy e Termini di Utilizzo

Calcola Mutuo

Calcola Mutuo